lunedì 1 giugno 2009

La pentecoste di Don Franco Barbero

Dal blog di Don Franco Barbero
-----------------------------------------------

PENTECOSTE
-
Commento alla lettura biblica - domenica 31 maggio 2009
-
Mentre il giorno di Pentecoste stava per finire, si trovavano tutti insieme nello stesso luogo.Venne all'improvviso dal cielo un rombo, come di vento che si abbatte gagliardo, e riempì tutta la casa dove si trovavano. Apparvero loro lingue come di fuoco che si dividevano e si posarono su ciascuno di loro; ed essi furono tutti pieni di Spirito Santo e cominciarono a parlare in altre lingue come lo Spirito dava loro il potere d'esprimersi. Si trovavano allora in Gerusalemme Giudei osservanti di ogni nazione che è sotto il cielo. Venuto quel fragore, la folla si radunò e rimase sbigottita perché ciascuno li sentiva parlare la propria lingua. Erano stupefatti e fuori di sé per lo stupore dicevano: «Costoro che parlano non sono forse tutti Galilei? E com'è che li sentiamo ciascuno parlare la nostra lingua nativa? Siamo Parti, Medi, Elamìti e abitanti della Mesopotamia, della Giudea, della Cappadòcia, del Ponto e dell'Asia, della Frigia e della Panfilia, dell'Egitto e delle parti della Libia vicino a Cirène, stranieri di Roma, Ebrei e prosèliti, Cretesi e Arabi e li udiamo annunziare nelle nostre lingue le grandi opere di Dio» (Atti 2, 1-11).
Quando verrà il Consolatore che io vi manderò dal Padre, lo Spirito di verità che procede dal Padre, egli mi renderà testimonianza; e anche voi mi renderete testimonianza, perché siete stati con me fin dal principio.( Giov. 15, 26-27)
Molte cose ho ancora da dirvi, ma per il momento non siete capaci di portarne il peso. Quando però verrà lo Spirito di verità, egli vi guiderà alla verità tutta intera, perché non parlerà da sé, ma dirà tutto ciò che avrà udito e vi annunzierà le cose future. Egli mi glorificherà, perché prenderà del mio e ve l'annunzierà. Tutto quello che il Padre possiede è mio; per questo ho detto che prenderà del mio e ve l'annunzierà. (Giov. 16, 12-15)
-
A parte l'indecoroso "affettamento" dei testi biblici che la liturgia del messale oggi ci propone (saltando da un capitolo all'altro e cucendo un versetto all'altro), la Pentecoste non è una festa priva di incisivo riferimento alla nostra vita cristiana. Essa è diventata purtroppo la cenerentola delle feste cristiane.
Si fa un pò di retorica dogmatica sullo Spirito Santo, ma sostanzialmente si cerca di "aggirare l'ostacolo", di "ammansire" e annacquare il messaggio disturbante della Pentecoste.
Siccome questa festa ricorda quel "vento impetuoso che riempì tutta la casa in cui si trovavano" (Atti 2, 3) e quel "parlare lingue diverse" (Atti 2, 4), essa ci riconduce ad un evento scomodo: Dio, qui rappresentato simbolicamente dal vento impetuoso e dalle lingue di fuoco che si posano su ognuno dei presenti, entra in questa casa come forza che sconvolge, risveglia, apre porte e finestre.
Nella pagina del Vangelo di Giovanni che abbiamo letto si parla invece del "Paraclito", il "chiamato accanto".
Per i discepoli che stanno per intraprendere il cammino nelle vie del mondo, Dio sarà colui che starà accanto, guiderà verso la verità. Lo Spirito Santo è la "cifra" teologica per dire la vicinanza e la forza con cui Dio sosterrà il cuore e l'azione dei discepoli. Lo sappiamo: senza questa forza che viene "dal cielo" non c'è possibilità di inoltrarsi con fiducia e speranza nelle vie del mondo. Queste donne e questi uomini ne erano ben consapevoli.
Ovviamente, lo Spirito Santo è semplicemente, nel linguaggio biblico, un altro nome di Dio. Non è un'entità divina diversa e separata dal Padre. La stessa "trinità" non indica tre divinità, ma è un simbolo (appunto la "simbolica trinitaria") per esprimere i diversi modi in cui noi percepiamo nella fede la presenza e l'amore di Dio nella nostra vita. Lo Spirito è Dio che si manifesta a noi come vento che ci sospinge, "confortatore", "chiamato vicino come difensore", guida alla verità intera...
-
Ci vorrebbe questo vento...
-
Mi piace molto indugiare a riflettere su questo vento impetuoso.
Ciascuno/a di noi, in parecchi momenti della vita, sente che per superare l'egoismo, per stanarsi dalle proprie pigrizie, per uscire da certi compromessi ha bisogno di un "vento impetuoso", di uno scossone.
Se ci lasciamo penetrare dal messaggio evangelico in profondità, "il vento di Dio" arriva davvero e scuote tutta la casa, cioè le coordinate della nostra vita. Dio sa raggiungerci e regalarci dei benefici terremoti per farci uscire dai nostri "luoghi chiusi", dalle prigioni del nostro egoismo e dei nostri pregiudizi.
Quanto bisogno di vento impetuoso c'è nelle nostre chiese! Da giovane avevo scritto un sogno. Una ventata divina più impetuosa del solito aveva sradicato il Vaticano che, come un castello di carta, si era trasformato in case popolari. Lo stesso vento aveva profeticamente "dato alla testa" al papa che, radunati i cardinali, li aveva licenziati e sconvolti invitandoli ad andare a vivere con lui nelle borgate romane per occuparsi di cose serie, anzichè trastullarsi in vari discorsi ai capi di stato, agli ambasciatori, ai grandi della terra. Nel sogno andai qua e là in alcune chiese mentre la domenica si celebrava l'eucarestia. Comparivano parroci uomini e parroci donne che annunciavano un vangelo di pace, di giustizia mai udito così chiaramente. Per giunta in quelle chiese, gioiosamente, con rispetto, tutti/e potevano prendere la parola... Da queste liturgie erano ormai assenti tutti coloro che oggi vanno a far bella mostra di sé in vista delle elezioni. Vedevo questi eleganti signori uscire scuotendo il capo... Come dovremmo saper accogliere questo vento di Dio, questo soffio liberatore, questa azione di un Dio scatenato che ci porti via un po' di dogmi, un po' di privilegi, un po' di affari e di concordati, un po' di reliquie e di madonne vaganti, un po' di liturgie imperiali, un po' di documenti papali, di diktat assurdi...
-
Un clima nuovo
-
In questi anni i vertici della nostra chiesa hanno sbarrato porte e finestre. L'aria non è più quella di una casa, ma si respira clima da mausoleo o, peggio, da carcere.
Anzichè lasciarci guidare verso un futuro inedito con fiducia, siamo così tentati di rimpiangere il passato e di rinchiuderci in esso, nella ripetizione. Ecco l'antipentecoste che è in atto....Non si accoglie il soffio accompagnatore verso le sfide che ci attendono, ma si legge in ogni alito di vento qualcosa che disturba, che sconvolge, che porta via dei pezzi di tradizione. La chiesa diventa un museo nel quale, da spettatori, ammiriamo i "pezzi" del passato con scarso senso critico e con lo spirito del custode che li difende dai ladri. Guardiani del passato anzichè creatori di futuro.
-
C'è un però...
-
La Pentecoste non solo è smascheramento di tante ipocrisie, ma ancor più è un vero e proprio "attentato" contro chi vorrebbe imporre alla chiesa una sola lingua, quella della gerarchia. Lo Spirito di Dio dà la parola ai muti e infonde coraggio a tutte quelle donne e a quegli uomini che nella comunità cristiana non hanno voce, sono fatti tacere.
Sarebbe davvero pentecoste se nella predicazione, anzichè ripetere i premasticati vaticani, si annunciasse il messaggio liberante della Scrittura.
La comunità di Gesù ha bisogno di mille voci per poter vivere e crescere nella libertà. Troppi/e cristiani/e sono senza voce perchè il potere ha tolto spazio e libertà e li ha riempiti di paura.
Ma qui non basta additare nei gerarchi cattolici i primi responsabili di una crisi profonda. Io, in prima persona, debbo domandarmi se accolgo la voce e il soffio vitale di Dio, la Sua spinta verso il futuro. Non mi sono mai piaciuti quei cristiani, quei teologi, quei preti che scaricano tutte le responsabilità sul papa, sul vescovo, sul parroco...No: questo non basta, non è tutto. E' lecita e doverosa la critica quando io, insieme, mi assumo la responsabilità della mia parte, quella che mi compete come discepolo di Gesù. Esiste una mia responsabilità personale, una "risposta" che debbo dare io in prima persona. Ma io mi lascio coinvolgere da questo vento impetuoso?

6 commenti:

luigi ha detto...

Il pezzo è molto divertente. La teologia tutta è divertente. I teologi invece non lo sono affatto. Uno dei dogmi della dottrina cattolica è la trinità di Dio, presentata come uno stato di cose ontologico. Per Barbero invece lo Spirito Santo è un nome diverso con cui chiamiamo Dio, precisando che la «"trinità" [tra virgolette, mah!] non indica tre divinità». Il ragionamento di Barbero è questo: se la trinità esprimesse uno stato ontologico delle cose, allora denoterebbe tre diverse divinità, ma non denota tre divinità (su questo la dottrina cattolica concorda), dunque non esprime uno stato ontologico del mondo, ma uno stato della percezione del divino; così suggerendo che chi non crede alla trinità come denotante tre diverse divinità (cioè la maggioranza dei cattolici), allora, per le leggi della logica (per modus tollens), dovrebbe esser condotto ad affermare la trinità come determinazione della percezione del divino. Il guaio è che la prima delle premesse è un dogma di Barbero, di cui non si capisce il fondamento, o la giustificazione. La giustificazione non c’è, perché che le cose stiano come il dogma/Barbero ci racconta… è ovvio, ovviamente le cose stanno così e così. Ma altrettanto ovvia per i cattolici più ortodossi è la negazione del dogma/Barbero. Come non si può trovare tutto questo divertente?

Massimo Messina ha detto...

Caro e vulcaniano Luigi,
benvenuto nel mio nuovo blog, che è in continuità ideale senza soluzione con quello vecchio. Sono contento di farti divertire. Continua a leggere il blog e troverai pezzi ancora più esilaranti.
Per la Scrittura, oltre che per Barbero, "lo Spirito Santo è un nome diverso con cui chiamiamo Dio". Ciò non esclude affatto la Trinità, ma interpreta tale dogma "poeticamente", cioè come fu percepito al momento della sua nascita.
Secoli di teologia hanno sepolto la poesia attraverso il dogma della Trinità intesa come tre Persone in un unica Divinità. Se ognuna di Esse è la Divinità stessa allora abbiamo tre dei, qualunque cosa i sostenitori vaticani, ortodossi o protestanti trinitari vogliano dire per fare stare insieme una Divinità con tre Persone distinte. Forse per "persone" della Divinità sarebbe bene intendere modalità con le quali percepiamo il Mistero e così torneremmo semplicemente alla semplicità della Scrittura.
Lunga vita e prosperità!

PS: Se non cogli le citazioni ti consiglio di vedere Star Trek, la serie originale o, almeno, l'ultimo film che è appena uscito, dato che so che ultimamente ti sei dato anche alla cultura fantascientifica.

luigi ha detto...

Così Dio è diventato il Mistero [con la maiuscola, mi raccomando!, qualcuno potrebbe intenderlo in un senso umano, troppo umano]. Aggiungiamo un altro dogma a quelli della Chiesa e di Barbero. Facciamo progressi! E scommetto che anche in questo caso la giustificazione è l'ovvietà. Resta per me un mistero [mi accontento della minuscola] il riferimento a Star Trek.

Massimo Messina ha detto...

"Dio" è una parola, se non ci mettiamo d'accordo sul suo significato meglio evitare di usarla. Se vuoi usare le minuscole non mi offendo mica e neppure si offende il Mistero (o il mistero, fai tu). Non aggiungo alcun dogma, quindi, e neppure faccio appello all'ovvietà.
Se conosci Star Trek sai che i vulcaniani sono logici ed il loro gesto di saluto (che Nimoy trasse dai suoi ricordi di rituali ebraici) è accompagnato dall'augurio di "lunga vita e prosperità".

luigi ha detto...

grazie per le informazioni su Star Trek. Allora lunga vita e prosperità!

Massimo Messina ha detto...

Grazie a te, Luigi. Spero di trovare il tempo per postare qualcosa di più consistente qui nel blog su Star Trek.