martedì 9 marzo 2010

8 marzo

------------------------------------------------------------
di Cristiana Alicata
Sono sempre stata allergica alla festa della donna per la montagna di demagogia che in quel giorno si scatena sulla questione della parità. I giornali di oggi dicono che la parità in Italia sarà raggiunta nel 2033. Io so che nelle aziende le riunioni iniziano dopo le 18:00 (in Germania a quell’ora se sei ancora in ufficio sei un coglione). Io so che nei bagni tante donne piangono perché non sanno come dire ai loro capi che sono incinte perchè sanno che “per permetterti di vivere tranquillamente il tuo stato” ti cominceranno a spogliare della tua professionalità.
So che tante impiegate, nelle piccole aziende, meno controllate, hanno un contratto regolare ma firmano contestualmente una lettera di dimissioni senza data che viene inserita al momento della “bella” notizia.
So che a Roma c’è una lista di attesa lunghissima per poter trovare il posto in un nido e quindi poter tornare al proprio lavoro, affidando il bimbo a quella forma di gestione sociale che avviene fuori di qui. In Europa.
So che nella lista del PD, quella dove anche io sono candidata, tutti i “portatori” di preferenze sono maschi tranne una ed, esclusi rari casi come il mio, le altre donne sono riempilista e fanno parte addirittura di comitati elettorali dei “pezzi grossi” maschili. Il 30% è stato rispettato, ma poi faremo il conto di quante donne del PD entreranno nel Consiglio Regionale.
So che ad una donna lesbica viene negato il desiderio di maternità.
So che una donna non fertile deve sottoporsi alle peggiori torture ed a costi incredibili per accedere alla fecondazione artificiale.
So che la paternità dovrebbe essere obbligatoria così fare un figlio cominci ad essere una responsabilità “familiare” e NON femminile.
So che Livia Turco aveva reso l’epidurale gratuita ed il Governo Berlusconi l’ha subito tolta quella norma perché siamo donne e partorendo dobbiamo soffrire.
Ecco io non mi sono mai definita femminista, tanto meno separatista. Ma oggi se qualcuno mi regalerà una mimosa prima gli renderò conto di tutto quanto sopra, poi se avrà ancora voglia di darmela la prenderò.

6 commenti:

Anonimo ha detto...

ho lasciato un commento all'articolo sul ito di alicata.
luigi

maxmex ha detto...

Luigi,
ho letto il tuo commento e pure le pagine web che lì hai indicato. Mi hai fatto venire voglia di parlare di economia e presto credo che lo farò.

luigi ha detto...

Il mio però non è un discorso economico, ma fantascientifico , o addirittura etico :-)

ps. lasciare commenti al tuo blog sta diventando un'impresa sempre più faticosa. Forse sto invecchiando. Comunque, perché non togli le camurrie di riscrivere le lettere e di riscrivere ogniqualvolta il proprio nome?

maxmex ha detto...

Luigi,
c'è fantascienza e fantascienza ed una fantascienza che si colleghi alle teorie economiche non mi dispiacerebbe. L'etica è di certo legatissima alla scienza economica sin dai suoi albori. Le "camurrie di riscrivere le lettere" servono per evitare i cosidetti bot, ovvero meccanismi automatici che si intrufolano e danno solo fastidio. Il tuo nome non sei obbligato a metterlo ogni volta o puoi comunque scriverlo nello stesso campo in cui scrivi il commento, usando la modalità "Anonimo", se ti fa piacere. Se in ogni modo esistono sistemi per semplificare la vita dei miei visitatori del blog (e tu sei il primo in assoluto, ovviamente) li userò.

luigi ha detto...

solo tu però ce l'hai i bot, mah!

maxmex ha detto...

La "camurria" in questione è un CAPTCHA. Ti invito a saperne di più attraverso il seguente link, così ti rendi conto che i bot non ce li ho solo io:
http://it.wikipedia.org/wiki/CAPTCHA